Richiesta di consulenza
Utente Professionista

Cogenerazione: generazione di energia elettrica contemporaneamente al riscaldamento

Richiesta di consulenza

Durante la produzione di elettricità si genera calore. Nelle centrali elettriche, questo si disperde come calore di scarto e di solito si deve addirittura raffreddarlo con energia aggiuntiva. Con il principio della cogenerazione (CHP), invece, gli impianti utilizzano il calore di scarto per il riscaldamento e per riscaldare l’acqua potabile. Di conseguenza, l’efficienza complessiva degli impianti è significativamente superiore rispetto alla generazione separata di elettricità e di calore. Inoltre, non si hanno perdite durante la trasmissione dell’energia. Infatti, l’elettricità è generata dove e quando è effettivamente necessaria. Basandosi sul principio della cogenerazione, Viessmann offre due diverse tecnologie altamente efficienti che soddisfano esigenze diverse:

  • Riscaldatori a celle a combustibile (non omologati in Svizzera / non in offerta)
  • Impianti di cogenerazione

La generazione decentralizzata di energia diventa sempre più importante

In vista della transizione energetica e dell’aumento dei prezzi dell’elettricità, la generazione decentralizzata di elettricità acquista sempre maggiore importanza. Per sostituire le centrali nucleari e le grandi centrali elettriche convenzionali si sta costruendo in gran numero parchi eolici e di impianti fotovoltaici. Tuttavia, poiché la produzione di energia fluttua e non può essere pianificata, gli impianti di cogenerazione controllabili sono elementi costruttivi importanti per il successo della transizione energetica. In caso di colli di bottiglia nella produzione di energia elettrica fluttuante, i sistemi di cogenerazione possono dare un importante contributo alla copertura della domanda. Poiché ciò avviene in modo decentralizzato e l’elettricità è prodotta in loco, si riduce anche il carico sulle reti elettriche. La generazione di elettricità propria sostituisce quindi l’acquisto di elettricità dalla rete pubblica.

Cogenerazione di calore ed energia: misure di risparmio e investimenti

Un impianto di cogenerazione consente di risparmiare fino al 40% di energia, di ridurre drasticamente le emissioni di CO₂ e di fornire in tal modo un importante contributo alla protezione del clima. Un ulteriore vantaggio di questa tecnologia innovativa è una maggiore indipendenza dai fornitori di energia e quindi dall’aumento dei prezzi dell’elettricità. In caso di autoconsumo, l’elettricità vi costerà solo un terzo del prezzo ufficiale dell’elettricità. Inoltre, l’energia elettrica in eccesso può essere immessa in rete ricevendo una remunerazione.

Il principio della cogenerazione basato sul funzionamento della cella a combustibile

Ecco come funziona la protezione dell’ambiente

Idrogeno e ossigeno: è tutto ciò che serve per produrre elettricità e calore. La base della cosiddetta “combustione a freddo” è costituita dalla reazione chimica delle due sostanze. che avviene tra due elettrodi: all’anodo viene fornito idrogeno, che un catalizzatore scinde in ioni positivi ed elettroni negativi, mentre gli elettroni viaggiano lungo un conduttore elettrico fino al catodo e la corrente scorre. Contemporaneamente, gli ioni di idrogeno a carica positiva passano attraverso l’elettrolita (membrana a scambio di ioni) fino al catodo, dove infine reagiscono con l’ossigeno formando acqua. Da questa reazione si libera calore. Il tutto avviene assolutamente senza rilascio di sostanze nocive e nel rispetto dell’ambiente.

Affidabilità e lunga durata di vita sono le priorità principali delle innovazioni Viessmann. Anche per i riscaldatori a celle a combustibile Viessmann si affida a una tecnologia collaudata. Per questo motivo, il Vitovalor PT2 (ex Vitovalor 300-P) è stato sviluppato in collaborazione con Panasonic. Panasonic ha prodotto più di 34.000 dispositivi in serie per il mercato giapponese. 

Impianto di cogenerazione alimentato a gas

Motore a benzina di un impianto di cogenerazione (CHP) alimentato a gas

Un impianto di cogenerazione (CHP) alimentato a gas genera contemporaneamente calore ed elettricità. Secondo la potenza, è adatto per edifici residenziali e complessi abitativi di grandi dimensioni, nonché per imprese commerciali e progetti municipali. Poiché la potenza è progettata in base al carico di base, ovvero il fabbisogno medio di calore durante l’anno, negli edifici residenziali un impianto di cogenerazione è spesso combinato con una caldaia per compensare le punte di carico. In questo modo, si ottiene un calore a sufficienza anche in inverno. In questo caso, entrambi i generatori di calore sono collegati all’impianto di riscaldamento per il riscaldamento dell’acqua calda sanitaria e dell’acqua potabile.

 

Vari livelli di potenza garantiscono un’elevata efficienza economica

Per i dispositivi compatti Vitobloc 200, l’idea fondamentale è costituita da impianti di cogenerazione decentralizzati e termocontrollati: In unità relativamente piccole, l’elettricità è generata per uso proprio secondo il principio della cogenerazione, mentre il calore generato allo stesso tempo si utilizza per il riscaldamento, in gran parte senza perdite. L’elettricità non richiesta può essere immessa nella rete pubblica ottenendo una remunerazione dall’impresa di fornitura di energia elettrica. Già oggi, gli impianti di cogenerazione rappresentano, grazie alla loro elevata flessibilità e massima efficienza, un’integrazione ottimale alla produzione fluttuante di energia solare ed eolica. Inoltre, gli impianti sono disponibili in diverse versioni e fasce di potenza. Possono quindi essere adattati in modo ottimale alle rispettive esigenze e sono una garanzia di redditività a lungo termine.

Gamma di prodotti

Rendetevi un po’ più indipendenti dai fornitori esterni di elettricità e dall’aumento dei prezzi dell’elettricità: con un modo innovativo di produzione dell’elettricità. Viessmann vanta oltre 25 anni di esperienza nel campo degli efficienti sistemi di cogenerazione a gas. Oltre ai prodotti di serie, si producono anche impianti di cogenerazione appositamente adattati alle esigenze del cliente. A seconda del tipo, possono funzionare senza problemi con gas naturale e/o liquido (LPG). Lo spettro di potenza varia da 6 a 530 kWel o da 15 a 660 kWth.